martedi` 26 settembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perchè l'Antisionismo è Antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Stampa Rassegna Stampa
01.08.2017 Migranti: di quali controlli ha paura 'Medici senza frontiere'?
Cronaca di Grazia Longo

Testata: La Stampa
Data: 01 agosto 2017
Pagina: 2
Autore: Grazia Longo
Titolo: «Migranti, le Ong boicottano il piano del Viminale»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 01/08/2017, a pag.2, con il titolo "Migranti, le Ong boicottano il piano del Viminale" la cronaca di Grazia Longo.

Risultati immagini per medici senza frontiere

"Medici senza Frontiere" è alla guida delle Ong che non vogliono controlli sui salvataggi dei migranti. Si parla di presenze della polizia, non per impedirne i movimenti, in sostanza 'vedere' che non avvengano -diciamo così- azioni di illegalità. Medici senza Frontiere ha detto subito NO, dando il buon esempio ad altre Ong.
Perchè temono i controlli? Non è difficile fare delle supposizioni, perchè è difficile trovare un motivo sensato.
Invitiamo il ministro Minniti alla massima severità, tutti devono avere le carte in regola.

Immagine correlata
Grazia Longo

È rottura tra le Ong e il Viminale, fallisce il piano del governo per imbrigliare le associazioni di volontari in un codice di condotta. Contrarie all'obbligo della presenza della polizia giudiziaria a bordo e al divieto di trasbordo dalle navi. Ma soprattutto contrarie all'idea di fare parte di un «sistema» organizzato di salvataggio. Sono nove le Ong che operano nel Mediterraneo. Ieri erano tutte convocate al Viminale per firmare il regolamento di condotta. La riunione è stata disertata da sei di loro. Delle tre presenti, solo «Save the children» ha accettato di apporre la propria firma al codice ministeriale. Le altre, la tedesca «Jugend Rettet» e «Medici senza frontiere» non ne hanno voluto sapere. La piccola «Moas» di Malta, pure lei non presente, aveva dato la propria adesione via email nei giorni scorsi, mentre la spagnola «Proactiva open arms» ha annunciato l'intenzione di firmare ma a un patto: nel documento, deve essere evidenziato il rispetto dei diritti umani dei migranti costretti a ritornare in Libia. La sorpresa maggiore, per il ministero dell'Interno, è arrivata dal colosso delle Ong «Medici senza frontiere». Il suo diniego, trapela dal Viminale, va inquadrato nell'interesse della Ong a imporsi come leader, come faro, a livello internazionale, nel suo mondo di riferimento. Prevedibile, invece, era l'opposizione delle più piccole realtà che si configurano come una sorta di "Leoncavallo del mare". In ogni caso chi si è opposto «resta fuori dal sistema». Per il Viminale infatti «l'aver rifiutato l'accettazione del Codice di condotta pone quelle organizzazioni non governative fuori dal sistema organizzato per il salvataggio in mare, con tutte le conseguenze del caso concreto che potranno determinarsi a partire dalla sicurezza delle imbarcazioni stesse». E probabile, dunque, una seria attività di monitoraggio e controllo da parte della guardia costiera italiana e delle navi della Marina militare inviate nella missione di supporto ai libici sulle loro coste. Le Ong che non hanno aderito al codice di condotta, insomma, sono avvisate: dovranno avere tutte le carte in regola in materia di certificazione (a partire da quella sull'idoneità tecnica al quella sul numero di presenze a bordo) se non vogliono incorrere nel rischio di sequestro della nave. Per nulla scontata, inoltre, la possibilità che possano attraccare dove ipotizzano per ragioni di comodità. In altre parole, potranno continuare il loro impegno ma verranno considerate alla stregua di tutti gli altri mezzi, tipo i mercantili, che salvano i migranti nel Mediterraneo centrale. Tutto, va da sé, «nel rispetto della vigente legislazione internazionale e nazionale, nell'interesse pubblico di salvare vite umane, garantendo nel contempo un'accoglienza condivisa e sostenibile dei flussi migratori». All'incontro di ieri pomeriggio al Viminale, presieduto da Mario Morcone, capo di gabinetto del ministro Marco Minniti, hanno partecipato «Save the children», «Msf» e la tedesca «Jugend Rettet». Il rappresentante di quest'ultima Titus Molkenbur spiega: «Noi possiamo firmare soltanto nel caso in cui le nuove norme rendessero più efficiente il nostro lavoro e aumentassero la sicurezza dei nostri volontari: oggi non è così». Mentre il fondatore di «Moas», Christopher Catrambone sottolinea di aver accettato perché «la nostra missione è da sempre quella di salvare più vite possibili». Tra i 13 punti del codice il divieto di entrare nelle acque !biche e quello di spegnere i transponder. Viene chiesto alle Ong di avere a bordo «capacità di conservazione di eventuali cadaveri». Importante anche cooperare con il Centro di coordinamento marittimo eseguendo le sue istruzioni.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


direttore@lastampa.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT