domenica 19 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Corriere della Sera Rassegna Stampa
12.08.2017 Osano affrontare una squadra israeliana: due coraggiosi calciatori iraniani radiati dalla loro federazione
Commento di Davide Frattini

Testata: Corriere della Sera
Data: 12 agosto 2017
Pagina: 14
Autore: Davide Frattini
Titolo: «Sfidano gli israeliani. Radiati i campioni del calcio iraniano»

Riprendiamo dal CORRIERE della SERA di oggi, 12/08/2017, a pag. 14, con il titolo "Sfidano gli israeliani. Radiati i campioni del calcio iraniano" il commento di Davide Frattini.

Su IC abbiamo già discusso la questione l'8 agosto scorso: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=4&sez=120&id=67216
Complimenti ai due coraggiosi calciatori iraniani che non si sono piegati ai dettami criminali della propria federazione sportiva, una diretta emanazione del regime degli ayatollah.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per davide frattini
Davide Frattini

Risultati immagini per Ehsan HajsafiRisultati immagini per Masoud Shojaei
Ehsan Hajsafi, Masoud Shojaei

Sul polso la fascia verde-bianco-rossa, nel cuore il peso delle minacce. Alla fine della partita Masoud Shojaei è scoppiato a piangere, prevedeva quello che è successo una settimana dopo. Aver portato la bandiera iraniana in campo contro una squadra israeliana non è bastato a proteggerlo dalla foga purificatrice del regime: è stato bandito a vita, non potrà più giocare nella nazionale, lui che ne è il capitano. Condannato dal governo anche Ehsan Hajsafi, uno dei calciatori iraniani più talentuosi: «Non saranno più invitati a indossare la nostra maglia», assicura Reza Davarzani, vice-ministro dello Sport. Insieme militano nella squadra greca Panionios che ha affrontato il Maccabi Tel Aviv nelle qualificazioni di Europa League. All’andata in Israele sono stati lasciati a Nea Smirni, sobborgo di Atene, proprio per evitare ripercussioni. Nel secondo incontro del 3 agosto c’era bisogno di loro, andava recuperato l’1 a 0: non sono bastati, è finita con lo stesso risultato.

La partita che gli ayatollah non vogliono perdere è quella della propaganda anti-Israele: «Giocare contro atleti di un regime che all’umanità ha dato solo assassinio, aggressione e tradimento è irrispettoso delle migliaia di martiri e di quelli che sono stati esiliati dai sionisti», commenta Hossein Naghavi-Hosseini, portavoce della commissione Esteri del parlamento. Shojaei, 33 anni, aveva già irritato gli ultraconservatori, quando a giugno aveva lanciato un appello perché alle donne venga permesso di andare a vedere le partite, l’Iran si era appena aggiudicato un posto al Mondiale in Russia battendo l’Uzbekistan allo stadio di Teheran. Davanti a 60 mila maschi. Il presidente Hassan Rouhani starebbe cercando di abolire il bando imposto dal 1979 con la rivoluzione islamica. Nel 2011 Mahmoud Ahmadinejad, allora capo dello Stato, aveva definito «dittatori e colonialisti» i dirigenti della Fifa che avevano impedito alle calciatrici iraniane di sfidare le giordane portando il velo con la maglietta a maniche lunghe e i pantaloni fino alle caviglie. Adesso sono i sostenitori di Masoud Shojaei e Ehsan Hajsafi a chiedere l’intervento dell’organizzazione internazionale. Tra loro anche tanti iraniani sui social media: «I nostri campioni vengono sprecati per rispettare un tabù». Ahmadinejad, presidente oltranzista fino al 2013, è un appassionato di calcio. Allo stadio ha invitato i leader internazionali: con il colombiano Evo Morales ha scambiato strette di mano e calci al pallone. Nel voto contestato del 2009, i giocatori della nazionale hanno deciso di ribellarsi a questo tifoso ingombrante e in sei hanno indossato i braccialetti verdi dell’oppositore Mir-Hossein Mousavi. Per quel gesto il capitano Ali Karimi è stato «messo in pensione» dal regime per un anno.

Per inviare al Corriere della Sera la propria opinione, telefonare: 02/62821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

 

 

 


lettere@corriere.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT