domenica 19 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks spiega che cosa davvero è il movimento antisemita e razzista BDS (sottotitolato in italiano)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Avvenire Rassegna Stampa
10.08.2017 Caso Azaria: la disinformazione sul quotidiano dei vescovi
In un articolo di Silvia Guzzetti

Testata: Avvenire
Data: 10 agosto 2017
Pagina: 13
Autore: Silvia Guzzetti
Titolo: «Uccise un palestinese a terra. Entra in carcere da star»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 10/08/2017, a pag. 13, con il titolo 'Solidarietà Uccise un palestinese a terra. Entra in carcere da star', il commento di Silvia Guzzetti.

Il commento di Silvia Guzzetti e soprattutto il titolo dell'articolo sono sbilanciati contro Israele, e sono un esempio dell'atteggiamento del quotidiano dei vescovi verso lo Stato ebraico. Non solo vengono sottaciute le attenuanti di Azaria, ma soprattutto viene messo in risalto l'atteggiamento di alcuni sostenitori di Azaria, paragonato a quello di fan verso una star. Il sostegno va ad Azaria per il processo e la condanna subita, non è un segno di festa per l'uccisione di nessuno, neppure di un terrorista palestinese.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per Elor Azaria
Elor Azaria

E' entrato in carcere salutato come un eroe da decine di sostenitori, l'ex soldato israeliano Elor Azaria (21 anni), condannato a diciotto mesi, per aver ucciso un aggressore palestinese che si trovava già gravemente ferito e immobilizzato a terra. II caso Azaria ha fortemente diviso l'opinione pubblica israeliana tra chi difendeva il soldato, ritenendolo vittima di circostanze più grandi di lui, e chi lo giudicava responsabile di un gesto immorale e contrario al codice militare. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si era espresso a favore della grazia, ma la sentenza era stata confermata in appello lo scorso 30 luglio.

«Elor è un eroe»: con queste parole molte persone hanno salutato l'ex sergente, arrivato al carcere militare di Zrifim (Tel Aviv), accompagnato dal padre Charlie. Nei giorni scorsi Azaria aveva chiesto al Capo di Stato maggiore generale Gady Eizenkot di mitigare la sua pena. I fatti risalgono al marzo 2016, quando a Hebron (Cisgiordania), Azaria sparò a freddo contro il palestinese Abdel Fatah al-Sharif (21 anni) che si trovava a terra, ferito dopo aver aggredito a coltellate - insieme a un compagno, che era stato subito ucciso dai militari - un soldato israeliano. Circa 11 minuti dopo l'aggressione e la relativa reazione israeliana, il soldato Azaria passò accanto al palestinese, del tutto inerme, e gli sparò alla testa. La scena era stata ripresa da alcune persone presenti. Azaria si era difeso sostenendo di temere che l'uomo a terra indossasse una cintura esplosiva.

Per inviare la propria opinione a Avvenire, telefonare 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@avvenire.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT