lunedi` 24 luglio 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La disinformazione dei media contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



Donne, islam e femminismo 12/04/2017

L'integrazione dei musulmani passa dalla donna. Condivido pienamente: Ŕ una mia convinzione da sempre. Aggiungerei che solo nelle donne musulmane Ŕ da riporre la speranza di un Islam pacifico e democratico. Sono loro, difatti, che all'interno del mondo musulmano patiscono le pi¨ sordide violenze e da loro, pertanto, che pu˛ immaginarsi una scintilla di ribellione.

Angelo Costanzo

Gentile Angelo Costanzo,
Le donne sono sempre state le prime a battersi per la libertÓ, la loro e quella della societÓ in cui vivono. Temo per˛ che per le donne islamiche il cammino sarÓ molto lungo e pericoloso perchŔ Ŕ la societÓ in cui vivono, le famiglie, a tenerle segregate. Tra le femministe occidentali, dopo le lotte delle suffraggette, Ŕ subentrato il sentimento della sorellanza che le ha unite nella lotta non facile per arrivare ai diritti civili. Sorellanza, fratellanza e tolleranza sono principi assenti nel mondo islamico perchŔ considerati debolezze. Abbiamo molti esempi di donne islamiche costrette a scappare dai loro paesi e mettersi sotto scorta per evitare la prigione se non addirittura la morte. Il cammino della donna musulmana verso la libertÓ sarÓ certamente l'unico che porterÓ all'integrazione e successiva possibilitÓ di convivenza in occidente. Purtroppo sono perssimista perchŔ , se da un lato, alcune musulmane desiderano affrancarsi, dall'altro lato vi sono le nuove convertite ( e non sono poche) che rendono vano ogni sforzo.
Un cordiale Shalom

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT