giovedi` 23 novembre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la minaccia di Iran e Hezbollah per Israele e la pace in Medio Oriente (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non c'è ancora uno Stato arabo palestinese? (con sottotitoli italiani)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Striscia la notizia e i messaggi subliminali 15/10/2017

Striscia la notizia e i messaggi subliminali
Commento di Deborah Fait

http://www.video.mediaset.it/video/striscialanotizia/full/11-ottobre-2017_763413.html

Risultati immagini per lacca mmello lacca rabina striscia

All'inizio della puntata Enzo Iacchetti ha mostrato tre contenitori di lacca per capelli, la prima "che piace molto ai palestinesi" era la "lacca cammello", la seconda "che piace molto agli israeliani" era un contenitore che rappresentava un cappello da cui pendevano delle peyot (cernecchi, propri degli ebrei religiosi) e, sotto, un fucile. Io amo la satira e tutti sappiamo che Striscia non fa sconti a nessuno, a volte correndo anche il rischio di dire fischi per fiaschi, come è accaduto questa volta.

Associare i palestinesi ai cammelli poteva essere discutibile anche se quegli animali sono presenti in zona ma, più che tra i palestinesi, fanno parte della vita quotidiana dei beduini che li usano per il lavoro e per il latte. Il secondo messaggio subliminale, ebrei e fucile, voleva invece associare Israele alla violenza e alla guerra. Trovo davvero indecente avallare la propaganda di chi descrive Israele come un Paese guerrafondaio quando la realtà è del tutto diversa. Israele, dal primissimo giorno della sua fondazione, è costretto a difendersi dalle aggressioni arabe e dal terrorismo e i suoi giovani, da quando vengono al mondo, sanno che a 18 anni dovranno fare tre anni (due per le ragazze)di servizio militare, quando questa sarebbe l'ultima cosa che vorrebbero, per difendere la loro patria, la loro famiglia, la loro casa. Israele non è guerra, Israele è cultura, è studio, è scienza, è gioia, è educazione alla pace e avallare questo tipo becero di propaganda significa fare la solita disinformazione che poi porta ostilità e odio nei confronti dello stato ebraico. Israele ha dovuto difendersi per decenni da bombe, da terroristi suicidi, da aggressioni con i coltelli, ogni suo cittadino è in costante pericolo di vita. Chiunque abbia visto quelle immagini non le dimenticherà perchè è a questo che serve la pubblicità, mandare messaggi con immagini che durano qualche secondo che però il cervello registra. Tutto il mondo ormai deve confrontarsi con la violenza islamica e associare Israele alla guerra è l'ultima cosa che Striscia doveva fare.

Risultati immagini per deborah fait 
Deborah Fait 
"Gerusalemme, capitale di Israele, unica e indivisibile"
 


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT