sabato 21 ottobre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Intervento in difesa di Israele all'Onu del Principe Verde, figlio di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele si prepara a ogni tipo di attacco da parte dei terroristi di Hezbollah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Deborah Fait
Commenti & TG news watch
<< torna all'indice della rubrica
Vaticano: predica bene, razzola male 16/05/2015
 Vaticano: predica bene, razzola male
Commento di Deborah Fait

Ho letto vari articoli sulla vergogna vaticana, tutti giustamente molto rispettosi per la figura del Papa, alcuni favorevoli al riconoscimento di una cosa inesistente come quella chiamata Palestina, altri che, quasi supplichevoli, invitano il Santo Padre a non fare un passo così pericoloso e antidemocratico oltre che disumano, altri infine giustamente scandalizzati da questa decisione.
Beh, permettetemi di essere molto incazzata perchè quello che sta accadendo è un incubo, un tradimento, un’azione di guerra fredda contro lo Stato di Israele.
E’ come dare ai palestinesi carta bianca per il loro terrorismo e dar loro la certezza che possono ottenere tutto quello che vogliono senza far niente, senza negoziare, senza sforzo alcuno, senza rinunciare a niente.

Il Vaticano non perde mai l’occasione di sputare in faccia a Israele, lo fa dal giorno della sua fondazione esattamente come non ha mai perso, nel corso della storia, l’occasione di sputare in faccia agli ebrei, prima con le persecuzioni, poi con i roghi dell’Inquisizione, poi lasciandoli entrare nelle camere a gas senza muovere un dito per salvarli. L’ eterno conflitto che anima la Chiesa contro gli ebrei ha infine avuto la sua grande occasione schierandosi apertamente contro l’esistenza del loro Stato sovrano e i Papi che si sono susseguiti fino al 1993 hanno sempre rifiutato di riconoscere Israele e di avere con esso relazioni diplomatiche.

Meglio, molto meglio, per loro avere rapporti con le teocratiche dittature arabe e inviare i Nunzi apostolici in Iran, Iraq, Pakistan ecc ecc ecc.
Israele messo al bando sempre, Israele, l’unico Paese del Medio Oriente dove i cristiani possono vivere in sicurezza, come ogni altro cittadino, Israele dove la libertà di culto è sacrosanta per tutti, Israele dove la democrazia è vita quotidiana, Israele è stata sempre l’unica nazione al mondo boicottata proprio da quello stato che predica amore e tolleranza tra gli uomini.
Predica bene e razzola male, come suol dirsi. E adesso, a completamento dell’opera, ecco che il Vaticano riconosce la Palestina, un’entità di terroristi che in 70 anni è stata incapace di fare qualsiasi passo verso una vita di civiltà, di umanità e di progresso, avvitandosi su se stessa in una realtà di barbarie tribale, mantenuta dalla carità internazionale .

Risultati immagini per papa francesco abu mazen

Signor Papa, la prego, con tutto il rispetto per la sua figura, mi dica se sa cosa sia e dove si trovi questa Palestina che lei vuole riconoscere come stato! Non ha confini, non ha una capitale, non ha una moneta, non ha un’economia, non ha un popolo, non ha nemmeno un presidente dal momento che Abu Mazen è scaduto da ben 6 anni. Allora cosa riconosce il Vaticano­­, signor Papa? Il niente. L’unica cosa che uno può pensare è che questo sia un atto dovuto di leccaculismo nei confronti del mondo arabo islamico. La Chiesa che non ha nulla da temere da Israele, ha invece una paura maledetta dei musulmani e adesso che lo Stato islamico minaccia seriamente il Vaticano, ecco che gioca la sua carta più importante e mette in atto l’ultimo tradimento verso il Popolo che ha sempre perseguitato. Una coltellata in pieno petto, non c’è che dire, un’ennesima offesa alla democrazia e alla giustizia umana, questo è il riconoscimento di un territorio indefinito che si è autonominato Palestina, dove l’odio per gli ebrei è un pozzo senza fondo di sangue e propaganda che fa parte della vita quotidiana e dei programmi scolastici di ogni ordine e grado; dove i cristiani sono perseguitati e scacciati, dove la parola pace significa solo morte per Israele, dove è in atto la sharja come unica legge e la pena di morte contro dissidenti e omosessuali ne è parte importante e quotidiana.

Risultati immagini per dalai lama
Ma il Dalai Lama, no

Pensi che meraviglia di "stato" sta riconoscendo, Papa Francesco! Che disonore per il Vaticano, un disonore tanto più grande se pensiamo che proprio lei, Papa Francesco, aveva rifiutato di ricevere il Dalai lama, rappresentante in esilio di uno stato esistente, invaso e occupato dalla Cina. Il Vaticano che ha chiuso le porte in faccia a una persona pacifica come il Dalai Lama, le ha sempre aperte a terroristi e dittatori incominciando da Arafat, cui fu permesso di varcare le sacre soglie con tanto di pistola alla cintola, passando da Raul Castro e finendo con Abu Mazen le cui mani sono sporche del sangue di Monaco 72, di tutti gli attentati in Israele da 2005 in poi, grande negazionista della Shoàh e osannatore di assassini.

Complimenti Papa Francesco, non c’è che dire, il Vaticano ci fa una gran figura barbina ma non ho dubbi che il buonismo ipocrita che oggi impera in Europa, connivente nel considerare Israele come stato pariah tra tutte le nazioni del mondo, loderà senza indugi il riconoscimento di un’entità terrorista e l’offesa a Israele, unica democrazia medorientale, sempre minacciata di estinzione proprio da questa fantomatica Palestina cui lei, da capo di stato, sta dando un vergognoso riconoscimento ufficiale.

Dopo uno scandaloso 25 aprile fuori legge vissuto con grande sofferenza da noi ebrei sionisti e da tutte le persone che amino verità e giustizia, , dopo aver permesso che la eroica Brigata ebraica fosse dileggiata, offesa e aggredita, l’Italia ha completato, con Abu Mazen, la propria vergogna.

Risultati immagini per deborah fait

Deborah Fait
"Gerusalemme capitale di Israele, unica e indivisibile"

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT