domenica 22 ottobre 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Intervento in difesa di Israele all'Onu del Principe Verde, figlio di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele si prepara a ogni tipo di attacco da parte dei terroristi di Hezbollah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
Lezione di morale internazionale 19/06/2017
Lezione di morale internazionale
Commento di Michelle Mazel

Immagine correlata
UNRWA: chi finanzia gli insegnanti di odio antisemita?

Civili indifesi - vecchi, uomini, donne e bambini – si domandano quanto dureranno le riserve del loro Paese mentre un blocco terrestre inflessibile impedisce il passaggio di qualsiasi merce, incluso il cibo. Ovviamente si tratta del Qatar, che forse non è molto famoso, ma andiamo! Eppure le condanne internazionali si fanno attendere. Nel frattempo decine di camion provenienti da Israele portano ogni giorno nella Striscia di Gaza rifornimenti e prodotti di prima necessità. Il Qatar inoltre non è in guerra con il suo vicino saudita mentre Hamas non fa mistero della sua volontà di distruggere Israele. In Libano un imponente muro di cemento circonda poco per volta il vasto campo profughi di Ain al-Hilweh. L’iniziativa di questa costruzione è stata presa dalle autorità libanesi ma i media occidentali si guarderebbero bene dal qualificarlo un muro della vergogna e ancor meno, muro dell’apartheid. D’altronde per il Libano si tratta di un “muro di protezione” senza specificare chi siano i beneficiari di questa protezione: sono gli abitanti del campo oppure i libanesi che vivono nei dintorni? Anche là le lamentele internazionali si fanno attendere.

Il Libano che non è firmatario di convenzioni internazionali sullo statuto dei rifugiati, non ha mai fatto il minimo sforzo per integrare i profughi arrivati nel 1948 e non ha mai concesso la nazionalità libanese ai figli e ai nipoti di questi rifugiati che ancora oggi non hanno il diritto di acquistare terre e non possono accedere a diversi tipi di attività lavorative. Per fortuna beneficiano del sostegno dell’Ente di soccorso e del lavoro delle Nazioni Unite per i profughi della Palestina, più conosciuto sotto la sigla inglese di UNRWA. Nel 1949, quando fu creato, tale Ente si era posto l’obiettivo di soccorrere 700.000 palestinesi considerati rifugiati. Per una strana alchimia oggi esso si occupa di più di cinque milioni di persone distribuite in una sessantina di campi disseminati in numerosi Paesi, come se la condizione di rifugiato fosse ereditaria: resta un caso unico del suo genere e non ha alcun fondamento giuridico.

Immagine correlata

Israele ha più volte accusato Hamas di servirsi a Gaza delle istituzioni dell’Ente – specialmente ospedali e scuole – per coprire le sue attività e assicurare una preziosa protezione ai militanti che vi si nascondono. Un'accusa ogni volta smentita. Questa volta è l’UNRWA che punta il dito su Hamas. Dei banali lavori di manutenzione sotto edifici scolastici, hanno evidenziato la presenza di uno di quei tunnel militari – costruiti da Hamas con il denaro destinato alla ricostruzione del Paese – diventati tristemente celebri negli ultimi anni. E le condanne internazionali? Si fanno attendere. A proposito, l’ONU non aveva destinato alcun Ente di soccorso per gli 800.000 profughi ebrei dei Paesi arabi. Quelli che son venuti in Israele oggi si sono perfettamente integrati e li troviamo in qualsiasi settore del Paese.

Risultati immagini per michelle mazel
Michelle Mazel è una scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron”. Le sue recensioni sono pubblicate sull’edizione settimanale in lingua francese del Jerusalem Post


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT