martedi` 27 giugno 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'odio dei terroristi Hamas contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Michelle Mazel
Come la penso
<< torna all'indice della rubrica
Sanzione perversa 10/04/2017
 Sanzione perversa
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)

http://www.jpost.com/Edition-Francaise/Moyen-Orient/Sanction-perverse-486543


Immagine correlata
Erez, confine con Gaza

Faceva caldo, molto caldo, una calura insolita alla fine dello scorso mese di marzo.
Il sole impietoso picchiava sulle decine di persone che attendevano stoicamente l’apertura del valico di frontiera Erez, l’unico passaggio per arrivare a piedi a Gaza da Israele. Ce ne sono altri due, a Nahal Oz per le merci, dove ogni giorno transitano più di mille camion, e l’altro a Keren Shalom, destinato agli aiuti umanitari, ma quello di Erez è il punto di passaggio obbligatorio per coloro che vogliono entrare od uscire da Israele. Quel mattino si vedevano soprattutto malati: donne, bambini, e,come sempre, uomini.
Si sa che molti abitanti di Gaza si curano in Israele, dove trovano un sistema sanitario che da loro manca. Cosa volete, Gaza ha risorse limitate e non si possono costruire tunnel, produrre nuovi tipi di missili, pagare i militanti e anche investire in infrastrutture ospedaliere. E poiché il nemico sionista è pronto ad accogliere gli ammalati gazani malgrado i rischi per la sicurezza, perché non approfittarne?
Ma quella mattina, la lunga fila in attesa non avanzava di un centimetro. Alcuni provavano invano ad esibire il foglio di convocazione per un’operazione attesa da tanto tempo, come le diverse autorizzazioni necessarie per attraversare la frontiera, ottenute dalle autorità israeliane e da quelle di Gaza. Niente da fare. Il tempo trascorreva inesorabile. Ma non si levava alcuna voce di protesta. Non c’era nemmeno uno dei soliti rappresentanti della stampa internazionale, sempre pronti a fustigare la disumanità d’Israele “ che rinchiude milioni di civili indifesi in un immenso ghetto ”, dimenticando che anche gli egiziani aprono con estrema parsimonia la frontiera che li separa da Gaza. La realtà è che alla stampa occidentale non interessava affatto raccontare quel che stava accadendo quel mattino, come già il giorno precedente; le donne piangevano in silenzio, gli uomini fissavano il suolo senza dire una parola, i malati gemevano e i bambini erano febbricitanti.
Per parlarne bisognava dire che non erano stati gli israeliani a bloccare il valico di frontiera e a impedire a tutta quella umanità sofferente di andare a cercare un po’ di sollievo e conforto. No, questa volta la decisione era stata presa da Hamas. L’organizzazione terrorista che governa a Gaza con dispotismo feroce, aveva deciso di chiudere la frontiera. Poco tempo prima uno dei suoi militanti era stato assassinato in circostanze ancora misteriose. Si tratta di Mazen Fuqaha, “eroe” liberato dal carcere israeliano in cui stava espiando nove condanne a vita, durante lo scambio di terroristi con il soldato Gilad Shalit.
Il suo compagno di cella, liberato con lui, è il nuovo uomo forte di Gaza, Yehya Sinwar. Per l’organizzazione terrorista, gli “assassini” dell’eroe erano per forza venuti da Israele ed è per impedire loro la fuga che tutte le frontiere di Gaza, comprese quelle con l’Egitto, erano state chiuse. Questo blocco, durato più giorni, non ha dato nessun risultato.
Tanto peggio per i malati…

Risultati immagini per michelle mazel
Michelle Mazel è una scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron”. Le sue recensioni sono pubblicate sull’edizione settimanale in lingua francese del Jerusalem Post

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT