martedi` 25 aprile 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi difende davvero i diritti umani all'Onu? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'intervento di Hillel Neuer all'Onu nel giorno dell'odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Aprire gli occhi leggendo Jean Birnbaum, Gilles Kepel 06/11/2016
Aprire gli occhi leggendo Jean Birnbaum, Gilles Kepel
Commento di Angelo Pezzana

Immagine correlata
Jean Birnbaum, redattore capo cultura di "Le Monde"

Che gli editori italiani – con rare eccezioni- evitino di tradurre libri importanti usciti in francese o inglese con un contenuto critico verso l’islam, non è una eccezione, ma la regola. Vediamo se “La Fracture” di Gilles Kepel – si veda la pagina di ieri di IC http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=4&sez=120&id=64316 – troverà un editore disposto a pubblicarlo. E dire che L’OBS gli ha dedicato la copertina, il settimanale che per decenni ha dettato legge alla sinistra, non solo intellettuale e non solo francese, su come si doveva ragionare per essere un ‘buon socialista’.

Immagine correlata
Gilles Kepel

Nulla contavano 70 anni di crimini compiuti in Urss in nome dell’ideologia che pur era nata da una radice socialista, così come la medesima parola ‘socialista’ compariva accanto a ‘nazionale’ nella ragion d’essere del nazismo di Adolf Hitler. Una ideologia travestita da portatrice di pace e giustizia, che ha coperto e legittimato i regimi più odiosi ovunque nel mondo. La sconfitta del nazismo e l’implosione dell’Urss , hanno insegnato poco o nulla, tranne molta retorica che ha trovato terreno fertile persino in molte religioni.

Immagine correlataImmagine correlata
Le copertine

C’è però un altro libro scomodo, uscito sempre in Francia lo scorso gennaio, che non trova chi lo pubblichi in Italia, l’autore è Jean Birnbaum, che aveva denunciato il «silenzio religioso» di certa sinistra francese, come scriveva ieri Anais Ginori. Birnbaum critica l’interpretazione marxista sulle religioni, quando poi è lo stesso comunismo ad essere stato una vera e propria religione. Come avvenne con quegli intellettuali di sinistra che hanno appoggiato rivolte popolari strumentalizzate dalla religione, dalla rivoluzione in Iran alla guerra di liberazione in Algeria.

La storia si ripete oggi con l’islam, sostiene Birnbaum, che non è uno Zemmour fanatico, ma il redattore capo del supplemento libri di Le Monde, il vademecum del politicamente corretto quando si pronuncia la parola islam. Non a caso il Monde Diplomatique esce in edizione italiana a cura del Manifesto, il giornale che osa ancora definirsi ‘comunista’. Prima Jean Birnbaum, oggi Gilles Kepel, quanto dovremo ancora attendere che i grossi nomi della editoria italiana si rendano conto che non siamo in Turchia, che possono pubblicare ciò che vogliono, da noi la censura islamica non c’è ancora, si diano da fare quindi per allontanarne il più possibile l’arrivo, pubblicando quegli autori e quei libri che aprono la mente invece di chiuderla.


Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT